Aprile e maggio sono i mesi in cui diventa un chiodo fisso quello di dimagrire e avere un corpo tonico da esibire in spiaggi. Recarsi in palestra spesso diventa noioso e antipatico. Quante volte paghiamo mesi e mesi di abbonamento in palestra, per poi trovare sempre una scusa per non andarci? Troppe volte. In effetti, la palestra è una struttura noiosa.

Non rinunciamo ad un allenamento che ci porti dei risultati e benefici, ma divertendoci. Come? Con l’allenamento calistenico. Si tratta di un allenamento che viene amato dai giovanissimi e dai meno giovani. Per i ragazzi dai 15 anni in su, si hanno dei benefici di eliminazioni di danni di postura e correzione della spina dosarle. Per gli utenti che hanno dai 25 ai 35 anni, si ha una muscolatura tonica ed elastica. Per i soggetti che giungono ai 50 anni, si riesce a mantenere un corpo giovane e flessuoso.

Esercizi innovativi e divertenti

Iniziamo con un programma tipico dell’allenamento calistenico, che viene usato dai principianti per almeno un mese. Diciamo che alla fine, l’allenamento calistenico, è solo un utilizzo diversificato e alternato degli esercizi classici.

Il programma prevede trazioni alle parallele, dip, piegamenti, body row, piegamenti addominali, front lever e corsa sul posto con saltelli. Si parla solo di esercizi a corpo libero che si effettuano nei parchi che hanno delle strutture sportive, ma anche in casa.

Si scelgono 2 esercizi alla volta e si alternano. Solitamente le serie da fare sono almeno 6 da 15 ripetizioni l’una, ma dove si alternano. Quindi se scegliamo i piegamenti, cioè le flessioni, li possiamo alternare poi agli squat. Una serie da 15 ripetizioni per le flessioni, poi una serie da 15 ripetizioni per le flessioni e poi si torna al primo esercizio.

Il giorno dopo si scelgono altri 2 esercizi e si ripete lo stesso programma. Una volta che si è diventati esperti, è possibile raggiungere 15 serie per 15 ripetizioni ogni 2 esercizi.

Consigli utili da seguire

L’allenamento calistenico deve iniziare in modo lento e progressivo. Anche se ci si sente dei leoni o degli atleti mancati, si deve fare piccoli passetti.

Fate sempre almeno 20 minuti di stretching di total body. Occorre che ci sia un’attivazione della circolazione sanguigna e anche un riscaldamento in tutta la muscolatura del corpo. Trattandosi di allenamenti a corpo liberi, diventa indispensabile evitare strappi muscolari.

Un utente in sovrappeso deve anche unire almeno 30 minuti di camminata a passo veloce. Questo perché si deve cercare di dimagrire per aumentare poi la quantità di esercizi. Le persone che soffrono di prostata, che hanno problemi respiratori oppure che hanno dei “traumi” ossei, non si consiglia l’allenamento calistenico.

Risultati e benefici dell’allenamento calistenico

L’allenamento calistenico, che è composto da una grande varietà di esercizi, mira a rendere il fisico più atletico. Riesce ad asciugare i cuscinetti di adipe. La resistenza muscolare aumenta. Si ha anche un allenamento passivo dei polmoni che diventano resistenti producendo più ossigeno.

Dopo due settimane di allenamento calistenico si ha una riduzione del peso corporeo. Il fisico è molto più asciutto e si ha una pelle tonica.