Un concetto che era già caro ai Greci, quando i filosofi si concentravano su cosa fosse il bello. La religione pagana insegna che la bellezza è immortale, come i loro Dei, ma dove la bellezza veniva rappresentata in diversi modi. In fondo, secondo molti filosofi, anche nella morte c’è una dolce bellezza.

Questo concento è poi tornado ad essere famoso con il celebre romanzo di Dostoevskij, cioè l’Idiota. Un libro che dovrebbe essere consigliato come lettura a tutti gli esseri umani. Una sacra verità che è molto umile ed è proprio nella sua semplicità che vi ritroviamo la vita.

La trama dell’idiota la si riassume con una frase: “la bellezza salverà il mondo”. Passato alla storia per la lunga ed infinita trama dai molti aspetti e dai tanti personaggi. Si parla comunque di una trama che è particolarmente complessa, dove troviamo dei modi diversi di “vedere” la vita, che appassionano e allo stesso tempo far riflettere. Possiamo dire che, alla fine, la bellezza è soggettiva. Forse anche per questo che “la bellezza salverà il mondo”, perché ogni uno la vede in qualcosa.

Dostoevskij e la sua filosofia

Il celebre romanzo di Dostoevskij, cioè “l’Idiota”, ha fatto conoscere il genio al mondo. Il suo nome per intero è Fëdor Michajlovič Dostoevskij. Nato a Mosca, Russia nel 1821. I genitori erano ricchi discendenti di una nobile famiglia e Dostoevskij cresce in un ambiente benestante, dove coltiva le sue passioni. Entrambi i genitori erano di un carattere molto autoritario.

A 15 anni muore la madre affetta da tisi. Qualche anno dopo suo padre viene ucciso dai contadini che lavoravano e vivevano nel suo terreno.Purtroppo, quando apprese la morte del padre, Dostoevskij, ebbe il suo primo attacco di epilessia. Una malattia che lo seguirà per tutta la vita. In base a questo continuo malessere scopre il dolore e la diversa visione della vita. In diversi momenti della sua vita, lo stesso Dostoevskij, ammette che solo conoscendo il dolore si comprende la “vacuità” della società.

Un concetto unico e intramontabile

Vi è mai capitato di essere chiamati “idioti”? Magari perché avete difeso le vostre idee agli occhi degli altri? Oppure perché vi piace qualcuno che ha un carattere particolare? Ebbene, la realtà e che quello che voi vedete bello, vi spinge a difendere le vostre idee. Questa è l’essenza che salverà il mondo, riassunta in modo eccellente da una solo frase: la bellezza salverà il mondo”.

In realtà troviamo anche diversi proverbi italiani che dichiarano lo stesso concetto, come:

  • Non è bello cioè che è bello, ma è bello ciò che piace
  • Dove c’è piacere non si perdere mai
  • Ciò che è bello fa nascere il coraggio

In fondo, si lotta sempre per quello che ci ispira dei sentimenti di bellezza e dolcezza.

Altre interpretazioni di “la bellezza salverà il mondo”

La filosofia, che ha ispirato questo scrittore, è: Ciò che è bello per te può non essere bello per me! Proprio per questo si ha un’interpretazione diversa della vita e di tutto quello che riguarda le scelte da affrontare.

Praticamente, come l’essenza stessa della filosofia, non c’è una chiara risposta a quello che si vuole. Le domande si susseguono in base alle delusioni e anche alle gioie che affrontiamo. Non importa avere una risposta, ma capire cosa ci spinge a fare quella domanda e a prendere quella decisione.