Un problema di salute che coinvolge le persone in età avanzata, è la Lordosi cervicale. Attenzione che parliamo di un problema che spesso compare nei soggetti che hanno superato i 65 anni di età, ma si può sviluppare anche in modo precoce. Infatti, ci sono utenti che ne soffrono precocemente, per poi avere una degenerazione accentuata della Lordosi cervicale verso i 50 anni.

Spesso si confonde con cifosi, rachide vertebrale o scoliosi. Una confusione normale perché solo un medico riesce a notare le differenze tra le diverse patologie. In realtà si ha comunque un incurvarsi delle vertebre. In base al “numero” delle vertebre che si sono piegate, ecco che si ha un determinato nome identificativo della patologia di cui si soffre.

La Lordosi cervicale si evidenzia per un’accentuata incurvatura in avanti, dove il capo tende a ciondolare in avanti. La si divide in 3 stadi principali, che variano anche in base all’età del soggetto.

Età e “stadi” della Lordosi cervicale

Il primo stadio compare dai 15 ai 30 anni. Si ha una “gobbetta” nella parte posteriore del capo, all’altezza delle spalle, che regala la forma in stile “Gargamella”. Un problema che comunque deve essere corretto.

Il secondo stadio nasce nelle persone dai 45 ai 55 anni. Il capo è molto sporto in avanti e il collo curvo. Il corpo ha la tendenza a ciondolare in avanti e questo porta diversi problemi anche nella schiena. Il terzo stadio, definito di vecchiaia, compare una volta superati i 60 anni. Si ha una forma della schiena molto ingobbita e questo porta affaticamenti veloci oltre anche a problemi cardiaci.

Sintomi e cause

La Lordosi cervicale è riscontrata in circa il 30% della popolazione italiana. Alcuni sono in stato di gravità estrema, mentre altri hanno solo un principio di Lordosi cervicale.

Le cause non sono genetiche, ma semplicemente comportamentali e posturali. Purtroppo si ha una tendenza a sedersi in modo errato. Si cammina senza preoccuparsi della postura. Non effettuiamo abbastanza attività fisica.

Anzi evidenziamo che secondo alcune ricerche posturali, la Lordosi cervicale, sarà la malattia dei Millennials, cioè la generazione y. I nati del 2000 in poi, sono quelli che avranno serissimi problemi di Lordosi cervicale. Perché? Colpa dei dispositivi mobili e dei cellulari. Rimanere piegati sul display, distorce le vertebre che perdono la loro forma naturale.

Ci sono anche dei centri che curano questo problema, che hanno avuto un aumento delle richieste da parte di genitori di adolescenti. Purtroppo ci devono essere delle regole comportamentali e posturali che nessuno effettua.

Esercizi da fare per diminuire i dolori della Lordosi cervicale

Stop alla Lordosi cervicale! Considerando che si parla di un problema posturale, bastano pochi e semplici esercizi per porre rimedio a questa patologia. Gli esercizi da fare per curare la Lordosi cervicale sono 3:

  • Sollevamento del capo
  • Trazione dei nervi del collo
  • Rinforzo dei trapezi

Per il primo esercizio basta stendersi a terra e sollevare il capo verso l’alto, cercando di staccare le spalle. Il secondo esercizio è da fare da seduti. Mettete un asciugamano dietro il capo. Tendete i due lembi e fate forza in avanti. Il capo deve essere spinto all’indietro per allenare i nervi del collo.

Il terzo esercizio si fa stendendosi a pancia sotto. Si deve sollevare il capo verso l’alto, staccando il petto dal pavimento. Questi esercizi curano la Lordosi cervicale e sono anche utili come prevenzione per questa patologia.