L’occhio è l’organo con lui è possibile vedere, esplorare e osservare il mondo che ci circonda, inoltre è quello che si sviluppa per ultimo dopo la nascita perché i bambini devono abituarsi all’ambiente e inizialmente vedono tutto in modo sfocato, finché col tempo la vista si aggiusta e riescono a vedere in modo nitido e a riconoscere le figure genitoriali.

Purtroppo però capita a volte, che per fattori di malattie ereditarie, o per il fattori esterni, e anche proprio personali, molte malattie possono colpire l’occhio e causarne la perdita parziale o permanente alla vista.

Bisogna stare molto attenti anche a molti fastidi che possono essere semplici sintomi di avvertimento, occorre fare visite di controllo dal nostro oculista di fiducia e prendere i rispettivi provvedimenti.

Vediamo quali sono le malattie oculari che iniziano con le lettere G, I ed M.

Elenco completo

G:

  • Glaucoma: malattia causata da una pressione che si ha all’interno dell’occhio, insieme alla cataratta, è la maggiore causa di cecità se non viene curata in tempo.
    Uno dei sintomi è l’ipovisione, cioè abbassamento della vista in modo parziale o completa, di solito colpisce le persone dopo i 40’anni ed è una malattia ereditaria.
    L’aumento della pressione succede quando il liquido presente all’interno dell’occhio, chiamato umore acqueo, durante la fase di riassorbimento si ostruisce e tenderà ad aumentare il canale causando così una pressione intraoculare.
    Quando essa sarà troppo elevata il bulbo oculare viene danneggiato e colpisce il nervo ottico e i neuroni, la vista periferica inizierà a sfocarsi fino a che tutta la vista sarà compromessa e di vedranno delle macchie scure che ostacoleranno la visione.

I:

  • Infezioni oculari: l’occhio tutti i giorni è a contatto con aria che trasporta germi, polvere, batteri, virus, etc,… se una di esse colpisce l’occhio si avranno problemi nella sclera dell’occhio che inizialmente si arrosserà, poi l’organismo da solo proverà a combattere questa minaccia facendo lacrimare l’occhio da solo, se però ciò non porta a liberarsene è meglio recarsi al pronto soccorso.
    Queste sono chiamate infezioni esterne.
    Le infezioni interne, invece possono essere causate da alcune ghiandole sebacee che sono all’interno dell’occhio oppure dalle mucose e dalle ghiandole lacrimali, esse si mostrano in caso anche di allergie a vari prodotti anche per il make up.
    I più famosi sono: congiuntivite, orzaiolo, cheratite, calazio, blefarite e dacricistite.

M:

  • Maculopatia: malattia oculare che colpisce la macula, ovvero, la parte centrale della retina, al centro c’è una piccola pressione chiamata foveola dove sono presenti i coni.
    Può essere ereditaria e colpire entrambi gli occhi anche ai soggetti che hanno passato i 55 anni, il sintomo a cui si deve fare attenzione è la distorsione delle immagini.
  • Malattia di Best: malattia ereditaria che colpisce la retina, questo causa una mutazione sul gene VMD2, o cromosoma 11q13, questa malattia comporta un grande accumulo di scarto biologico, chiamato lipofuscina, sullo strato di epitelio pigmentato retinico.
    Il sintomo da cui stare maggiormente attento è la riduzione prima lieve e lenta della vista, poi la maggiore difficoltà sarà la visione delle immagini da vicino.
  • Malattia di Stargardt: somiglia molto alla maculopatia, è ereditaria e si può manifestare durante i 20’anni di età, causa la mutazione del gene ABCA4 e, come la malattia di Bert, causa l’accumulo di altro materiale di scarto nello strato di epitelio pigmentato, questa sostanza viene emessa dai coni e dai bastongelli.
    I sintomi sono la riduzione della vista centrale e, in età infantile, può comportare la distorsione dei colori.
  • Malattie delle palpebre: le palpebre sono ricoperte di membrane mucose che ricoprano la parte davanti dell’occhio, però la palpebra si più infettare o avere una forma anomala, le palpebre si rivoltano verso l’interno e si verifica un caso si introflessione: le ciglia sono a contatto con il bulbo oculare e causano graffi e fastidi che possono favorire la formazione di ulcere.
  • Melanoma della Coroide: tumore maligno che colpisce il tessuto vascolare della retina e la sclera (parte bianca dell’occhio).
    Può essere ereditaria e colpire dai 50 ai 60’anni, possono essere causati se nell’occhio è già presente un neo che piano piano sviluppa altri sintomi nella zona centrale della retina o in prossimità del centro retinico, chiamato parafoveale, causano lampi di luce colorati, abbassamento della vista fino al distacco della retina.
    È piuttosto facile da scoprire e diagnosticare.