Menù di Capodanno 2017: i migliori piatti, ricette e consigli

Se toccherà a voi questo capodanno cucinare non disperate. Oggi analizzeremo insieme un menù semplice ma ad effetto, che conquisterà i vostri ospiti in pochissimo tempo e vi farà iniziare il nuovo anno da grandi cuoche.

Lenticchie sì, ma nell’antipasto

Le lenticchie nell’antipasto sono un must, simbolo di ricchezze per il nuovo anno, è bene quindi portarle in tavola. Noi lo faremo, ma mettendole in un veloce antipasto, semplice da preparare, ovvero i crostini con crema di lenticchie. Gli ingredienti necessari sono un paio di foglie di alloro, 3 chiodi di garofano, 400 ml di brodo vegetale, 3 bacche di ginepro, 3 cucchiai di olio di oliva, 40 ml di vino rosso, 40 grammi di pancetta affumicata, 200 grammi di lenticchie secche,  del sale. Per i vostri crostini invece sarà sufficiente del burro, 10 fette di baguette (anche del giorno prima), del rosmarino.

Entriamo ora nel vivo della preparazione. La prima cosa da fare è lasciare soffriggere la cipolla dopo averla tritata con dell’olio, per poi aggiungere foglie di alloro, bacche di ginepro e chiodi di garofano. A questo punto basterà tagliare la pancetta e aggiungere la cipolla, prima di amalgamare il tutto anche con le lenticchie e lasciare cuocere tutto a fuoco basso. Solo dopo qualche minuto potrete aggiungere del vino rosso, e poi anche del brodo prima di lasciare cuocere il tutto insieme per tre quarti d’ora. Preparate le lenticchie mettetene da parte una tazzina, e poi frullate il tutto fino ad ottenere una crema soffice e leggera. Nel frattempo, prendete il pane, tagliatelo, tostatelo per una decina di minuti su ogni lato, aggiungete un poco di burro su ogni pezzettino, la crema di lenticchie e un pizzico di rosmarino.

Risotto al salmone

Per primo potete invece proporre un risotto al salmone, piatto tra l’altro molto semplice da preparare. La prima cosa da fare è lessare il salmone in 4 bicchieri di acqua prima di scolarlo. Si potrà dunque lavare e tritare la cipolla per poi farla rosolare nel burro e aggiungere il riso tostato. Mentre la cottura è in corso potete aggiungere vino bianco secco e champagne per poi lasciare che il tutto evapori a fiamma alta. A questo punto potete aggiungere l’acqua di cottura che avete in precedenza conservato, abbassando se necessario il fuoco. Sarà dunque arrivato il momento di unire il pesce a pezzettini, unire 2 tuorli sbattuti con del cognac e mescolare il tutto. Prima di servire, fate riposare il tutto.

Pandoro sì, ma nel tiramisù

Qualsiasi pasto che si rispetti termina con un dolce saporito, gustoso e nel nostro caso anche particolare. Vi consigliamo infatti di preparare un tiramisù pandoro e fragole. Per farlo dovete per prima cosa accertarvi di avere a casa tutti gli ingredienti. Vi serviranno dunque 150 grammi di fragole e 4 mandarini, 400 grammi di pandoro, 150 gr di mascarpone, due buste di zucchero a velo (vanno benissimo quelle incluse nelle confezioni del pandoro stesso, un paio di albumi e un bicchierino alchermes.

Per prima cosa bisogna frullare le fragole; spremere il succo di 2 mandarini, aggiungendo poi allo stesso un cucchiaino di Alchermes. Una volta tagliato il pandoro bisogna bagnarlo con il succo. In un altro contenitore potrete dunque mescolare insieme 200 grammi di mascarpone e 100 grammi di zucchero a velo, aggiungendo poi il frullato di fragola e 2 albumi già montati a velo.

A questo punto vi basterà prendere un bel piatto da portata (possibilmente a tema natalizio) e posizionare sullo stesso prima le fette di pandoro, poi la crema, poi uno strato leggero di frullato di fragola, poi gli spicchi di mandarini. Seguendo questo ordine potete realizzare più strati, fino a quando non terminerete gli ingredienti a vostra disposizione. Per un effetto estetico migliore, aggiungete se volete all’ultimo strato delle piccole fragoline, tutta da gustare, o in alternativa delle decorazioni natalizie a base di cioccolato fondente, che potete trovare già pronte al supermercato o in pasticceria.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi