Nel mondo del fitness e anche per il recupero delle funzionalità in seguito a traumi, sono state inventate moltissime attrezzature.

Tra le migliori troviamo proprio la Pectoral machine. Il nome è molto intuitivo, vale a dire macchine per i pettorali. La muscolatura del petto è un fascio di nervi e di fibre intrecciate che sono difficili da allenare. Nonostante sia difficile allenarli, essi sono anche i muscoli che muoviamo quotidianamente.

Quando prendiamo qualcosa, allunghiamo le fibre delle spalle. Se portiamo una busta della spesa andiamo a caricare le spalle e a irrobustire i pettorali. Ogni uno di noi deve avere un’attenzione particolare per un allenamento quotidiano, ma bastano anche una serie di esercizi, almeno 3 volte a settimana, con una Pectoral machine.

Ci sono dei consigli da seguire e una serie di esercizi che sono mirati a migliorare i movimenti di questa parte del corpo oltre anche ad aumentare la massa muscolare.

Le tipologie migliori di Pectoral machine

Come funziona la Pectoral machine? La sua struttura è quella di proporre una classica apertura delle braccia. Precisamente si poggiano le braccia su degli appoggi. Le braccia si piegano ad elle. In seguito, tramite la spinta degli avambracci in avanti si sollevano dei pesi che permettono di far muovere i muscoli dei pettorali, delle spalle e del collo.

Sembra un esercizio semplice, ma se già provate a distendere le braccia di fronte a voi, piegare i gomiti, con le mani verso l’alto e poi unire i gomiti come se vorreste schiacciare una noce, ecco che potete già notare che si fa fatica.

Oggi esistono anche diverse Pectoral machine, come:

  • Croci avanti
  • Farfalla
  • Spinte in avanti
  • Sollevamenti anteriori
  • Incroci

Ci sono delle Pectoral machine che sono multifunzioni e altre che invece sono del tutto semplici, ma comunque sono sempre utilissime.

Esercizi per aumentare la massa: petto e spalle

Le Pectoral machine che sono utili per aumentare la massa muscolare sono quelle che offrono una multifunzione, ma si devono seguire delle regole ferree e avere un programma ferreo. In primo luogo si deve iniziare con una serie di croci in avanti. Bastano 3 serie da 15 ripetizioni l’una. Questo mette in movimento ogni singola fibra muscolare e quindi trarre poi il massimo beneficio per gli altri esercizi.

In seguito si devono effettuare 3 serie da 10 ripetizioni. In questo modo si ha un aumento delle fibre muscolari, ma non basta perché esse devono poi rimanere “gonfie”. Per questo si deve continuare con delle spinte in avanti, eseguite sempre alla Pectoral machine, con 3 serie per 20 ripetizioni questa volta. Due volte a settimana si possono poi variare con altri esercizi per mantenere il “tono muscolare”.

Esercizi di funzionalità

Ci sono tanti traumi che possono danneggiare la muscolatura e le ossa, ma non solo. Si possono avere dei traumi anche quando non si muovono mai braccia, petto e spalle. Alla Pectoral machine è possibile eseguire anche dei movimenti che sono molto semplici e che migliorano la flessibilità dei nervi, tendini e muscolatura appunto.

Basta che ci sia una sola serie, di tutti gli esercizi sopra elencati, in modo da mantenere sempre molto morbidi i movimenti. A questo punto si devono fare anche 15 minuti di stretching prima degli esercizi e anche al termine del programma di allenamento.