Tra le tante specie di scimmie ne esiste una che ha sia un nome particolare e sia una caratteristica che le ha sviluppato di più rispetto alle altre. Stiamo parlando della “Scimmia urlatrice“, o come la chiamano gli zoologi “Alouatta“. Vediamo insieme questo animale e le sue particolarità.

Caratteristiche

È una specie di primato che appartiene alla famiglia degli Atelidi, le dimensioni possono variare dai 50-90 cm, quindi medie, e può raggiungere un peso di 15 kg.

La coda è abbastanza lunga ed è adatta per resistere legata a un ramo mentre la scimmia rimane appesa, è chiamata infatti “prensile” e la utilizzano come zampa in più dato che è molto resistente.

Ne esistono varie e altre specie di queste scimmie ma le si può riconoscere grazie al colore del pelo ma in più è presente il dismorfismo sessuale, cioè che i maschi hanno sfumature più scure rispetto alle femmine, e si riconoscono così tra di loro e anche per chi le studia.

Le altre tipologie si chiamano in questo modo:

  • Alouatta belzebil, ha il pelo nero e la coda rossastra.
  • Alouatta caraya, il colore del pelo è di un nero tendente al blu.
  • Alouatta coibensis, il colore del suo pelo è sul nero mentre le femmine sono di colore marrone chiaro.
  • Alouatta guariba, il colore del pelo è marrone chiaro ma sono presenti delle chiazze nere in alcune parti.
  • Alouatta macconnelli, il colore giallo del pelo può tendere al dorato.
  • Alouatta negerrima, anche questo genere di scimmia ha il colore del pelo totalmente nero, ma la si riconosce per la deformità del cranio diverso dalle altre scimmie urlatrici.
  • Alouatta palliata (o dal mantello), ha il pelo nero mentre sull’addome è di colore marrone chiaro.
  • Alouatta pigra, il pelo è nero tranne nella zona pelvica che è totalmente bianco.
  • Alouatta sara, il colore del loro pelo è sul rosso-arancione ma alcune parti come la testa, i fianchi, l’addome e la coda possono essere più scuri.
  • Alouatta seniculus, tranne il muso che è nera, il resto del corpo è completamente arancione ruggine.

Come molte altre specie di primati vivono in gruppo di circa 30 scimmie, con un rapporto di 4 femmine e 1 solo maschio, hanno un’intelligenza molto sviluppata in quanto i figli, raggiunta l’età adulta, si allontanano dal branco in cui sono cresciute, per cercarne un altro o crearne uno tutto loro.

Hanno abitudini diurne, cioè che di notte riposano sugli alberi mentre una monta la guardia e avverte urlando in caso di pericolo; si chiamano “scimmie urlatrici” appunto perché comunicano tra loro grazie ad una serie di richiami dovuti alla loro laringe che si è sviluppata nel tempo diventando più grossa e potente tanto che le si possono udire fino a 5 km di distanza.

Emettono i loro versi in presenza di altri gruppi sconosciuti per marcare il proprio territorio.

Dove vive?

sono scimmie che vivono nelle foreste pluviali dell’America Centrale, del Messico, dell’Argentina e del Brasile.

Cosa mangia?

La dolo dieta è costituita principalmente dalle foglie dato che sono animali folivori, e dato che sono in grado di riconoscere i colori, mangia anche frutti, semi e fiori.