Se siete amanti dei gatti e desiderate prenderne uno, o ancora, se siete già felici possessori di uno di questi adorabili felini, saprete bene che una delle loro attività preferite è quella di farsi le unghie su ogni superficie in grado di destare il loro interesse.

Per loro, tutto questo è funzionale e divertente, per i padroni, possessori di mobilio e divani, un po’ meno. Il tiragraffi è uno di quegli apparecchi progettati per tranquillizzare gli amici umani dei gatti e al tempo stesso, stimolare la natura “graffiante” dei felini.

I tiragraffi si trovano in commercio in qualsiasi forma e a qualsiasi prezzo. Tuttavia, se in voi si accendesse il desiderio di creare un percorso personalizzato per il vostro gatto e magari, anche in linea con i vostri gusti ed il vostro arredamento, ecco qualche piccolo suggerimento.

Materiali per costruire un tiragraffi

Anche se molto, della lista dei materiali, dipende dal tipo di struttura che desiderate costruire e dalle decorazioni che applicherete, questi sono gli “attrezzi” basilari per costruire il vostro tiragraffi fai da te:

  • Legno;
  • Colla a caldo;
  • Spago;
  • Tessuti ruvidi (opzionale).

La cosa fondamentale da ricordare, tuttavia, è che dovrete sempre utilizzare materiali dalla comprovata resistenza e che non solo piacciano e appassionano il vostro gatto, ma che siano anche compatibili e non nocivi. Prima di tinteggiare un tiragraffi, ad esempio, è bene informarsi sulla tipologia di colore che si sta utilizzando e se a contatto col felino, può creargli problemi oppure no.

Tessuti ruvidi che possono essere utilizzati:

Oltre alla classica corda, che consigliamo per quanto riguarda le colonne, altre superfici (come la base) possono essere rivestite in jeans, costine o altri tessuti riciclati da vestiti che non usate più. L’importante è che siano ruvidi e ben fissati alla struttura, in modo tale che il tira graffi possa avere vita lunga! Inoltre, potrete rivestire un’eventuale casetta per il gatto di pelliccia sintetica o cuscinetti leggeri, in modo tale da dargli tutta la comodità necessaria.

Tiragraffi: come costruirlo?

Innanzitutto, ogni tiragraffi ha bisogno di una base solida. Con la colla a caldo, bisogna applicare una colonna fatta di qualsiasi materiale resistente o reso resistente. Ad esempio, se avete un po’ di calce idraulica, potete contornare un rotolo di cartone (quello della carta da cucina o della carta igienica, per intenderci) di questo composto (in strato sottile) e farlo asciugare. A quel punto avrete una base di legno e una colonna incollata alla base. Dovrete poi rivestire l’intera colonna (o anche la base, se preferite), di cordone spesso da tiragraffi, sempre utilizzando la colla a caldo. Il tiragraffi può essere lasciato semplicemente in questo modo, minimal, semplice. Se il vostro gatto è particolarmente esigente, però, potete continuare e renderlo più ricco di dettagli e divertimenti per il vostro amico a quattro zampe. Potrete sovrapporre piani, oppure costruire una vera e propria casetta con un vecchio scatolo intagliato. L’importante è che verifichiate la solidità dell’apparecchio e che posizionate le colonne al centro delle singole basi.