Mutuo prima casa: quale è il migliore?

Spesso per iniziare un nuovo percorso di vita è necessario cambiare casa e molti di noi preferiscono ancora investire nell’immobile e dunque procedere con un acquisto piuttosto che pagare un affitto. Comprare una casa al giorno d’oggi non è per nulla semplice.

Nonostante il prezzo degli immobili sia calato in molte parti d’Italia, la situazione lavorativa si è fatta precaria e non si riesce a versare un cospicuo anticipo che ci garantisca la possibilità di acquistare la casa che si desidera.

Oggi più che mai, per acquistare un immobile è necessario ricorrere all’apertura di un mutuo che spesso copre la maggior parte dell’importo dell’immobile se non addirittura la totalità di esso e non è affatto facile trovare quello che fa al caso nostro e una banca in grado di supportarci nella scelta.

Se si necessita di richiedere un mutuo per l’acquisto di una casa ci sono dunque diverse problematiche da affrontare ma, per fortuna, anche molteplici possibilità.

Innanzitutto bisogna sempre specificare se si tratta di una prima casa oppure no. È molto importante segnalare se si tratti di una prima casa poiché fortunatamente in questo caso avremo delle agevolazioni e la banca potrebbe anche venirci incontro coprendo l’importo dell’immobile all’80% arrivando addirittura in caso di necessità al 100%.

Leggi anche: le agevolazioni sui mutui per coppie under 30

Quali possibilità di scelta ci sono?

Ognuno ha di certo delle esigenze differenti e delle differenti possibilità economiche e quindi non è possibile pensare che esista un’unica via da percorrere e solo un’unica offerta. Il mercato immobiliare, infatti, propone diverse variabili per l’acquisto di una casa con un mutuo che fondamentalmente possiamo dividere in due tipologie: mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile.

Il mutuo a tasso fisso garantisce lo stesso importo di versamento per la rata del mutuo ogni mese che, se da una parte è una spesa fissa e magari sostanziosa, dall’altra garantirà l’esborso unicamente di quella cifra assicurando al compratore nessun altro esborso.

Il mutuo a tasso variabile, al contrario, è soggetto alle oscillazioni del mercato e per cui alcuni mesi si andrà incontro ad una spesa minima mentre in altri ci si dovrà aspettare un esborso più importante. Quando si decide di comprare una casa ricorrendo ad un mutuo, nel sceglierlo, è bene valutare tutte le possibilità e le varie problematiche in cui si potrà incorrere.

Bisogna fare molta attenzione a non lasciarsi ingannare dalla possibilità di risparmi immediati magari proposti in un primo momento ricorrendo al tasso variabile poiché esso, già dal mese successivo, potrebbe prevedere un esborso molto più alto del previsto mettendoci in difficoltà economiche.

Scegliendo la rata a tasso fisso si avrà la certezza di avere esclusivamente la spesa di quell’importo ogni mese, cosicché si potrà essere in grado di prevenire eventuali situazioni finanziarie precarie e non si sarà soggetti alle oscillazioni del mercato.

Al giorno d’oggi è molto difficile riuscire nell’impresa di comprare casa senza utilizzare un mutuo di molti anni ma è anche possibile scegliere fra molte proposte che si adattano alle diverse esigenze di ognuno di noi.

Leggi anche: si può ottenere un mutuo con contratto a tempo determinato?

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi